Si è tenuto oggi, 23 Settembre 2011 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Firenze,Piazza San Marco 4, un congresso di scienza internazionale ” From Elementary Chemical Processes to Complex Biological Structures for the Benefit of Life and Human Health” dove si è parlato in primis del ruolo dei processi chimici e delle strutture biologiche a servizio della salute. A presentare il vasto scenario della scienza attuale e delle sue applicazioni sono stati scienziati di tutto il mondo, venuti a Firenze in occasione di questo “festival” delle scienze. Tra questi ci sono stati anche alcuni premi Nobel per la chimica come: Yan Tseh Lee (premiato nel 1986),Venkatraman Ramakrishan (premiato nel 2009), Kurt Wuthrich (premiato nel 2002).

L’evento è stato di grande prestigio ed onore per i delegati di circa 30 unioni scientifiche, aperto anche a ricercatori, insegnanti e studenti. Convegno organizzato dai rappresentanti italiani delle Unioni Internazionali di Cristallografia IUCr (Carlo Mealli), dall’Unione Internazionale di Biochimica e Biologia Molecolare IUBMB (Emilia Chiancone) e l’Unione Internazionale di Chimica semplice ed applicata IUPAC (Mario Malinconico).

Il Convegno è stato realizzato in occasione dell’Assemblea Generale ICSU International Council for Science, organismo non governativo, nato nel 1931, con una partecipazione globale dei corpi scientifici nazionali ed internazionali.

Il programma è cominciato alle 9.45 con il messaggio di benvenuto degli organizzatori e sponsor, per poi procedere dando la parola al premio Nobel Yuan Tseh Lee che ha parlato dei processi elementari coinvolti nella ionizzazione della matrice laser. Importante anche l’intervento di Venkatram Ramakrishnan (premio Nobel nel 2009) sulla struttura dei ribosomi e di Kurt Wuthrich (Nobel nel 2002) sulla ricerca biologica e biomedica.

Nel pomeriggio a prendere la parola sono stati: Andrea Mattevi (Università di Pavia) che ha esposto questioni di biochimica strutturale e terapie epigenetiche; passando agli argomrnti riguardanti gli impatti delle radiazioni del sincrotone nella chimica e nella biologia di Sine Larsen (Università di Copenhagen) e molti altri.

Insomma una giornata davvero interessante e di lustro per il mondo scientifico e per tutti gli appassionati di chimica, fisica, biologia etc, che si sono confrontati a Firenze, città d’arte e non solo.

Lidia Scaperrotta

Advertisements