A Lubiana (Slovenia) per confermare quanto fatto di buono finora e per continuare la scalata verso Euro 2012. Questi sono gli obiettivi dell’Italia. Gli azzurri superano la Slovenia e passano a pieni voti un esame importante su un campo difficile. Questa vittoria è fondamentale sia per la classifica e sia per il morale.

Gli azzurri giocano una grande gara e meritano la vittoria. Già nei primi minuti del primo tempo Cassano e Co. iniziano a imporre il loro gioco, provando in tutti i modi la via della rete. La Slovenia cerca di tenere testa all’Italia, cresce con il passare dei minuti e tenta di mettere in difficoltà gli azzurri, che commettono qualche imprecisione a centrocampo.

A fine primo tempo, però, il segnale degli undici di Prandelli è senz’altro positivo: gioco, personalità e raccordo tra i reparti. Manca solo il gol. Nei secondi 45 minuti, gli azzurri sembrano meno brillanti e meno ispirati, ma poco importa perché a risolvere il problema del gol ci pensa Thiago Motta, alla sua seconda presenza con la maglia azzurra. Al 29’ del s.t. l’oriundo centrocampista dell’Inter segna il gol vittoria con un sinistro potente e preciso su assist di Balzaretti, dopo una bella azione corale di tutta la squadra.

Nel finale brivido per Buffon in una mischia pericolosa,  ma l’Italia tiene e al triplice fischio può festeggiare la vittoria. Gli azzurri vincono, convincono e mandano un segnale importante a tutte le squadre impegnate. Un segnale che dice: noi ci siamo e vogliamo tornare a essere protagonisti.

Il c.t. azzurro soddisfatto a fine partita dice: “Ci hanno definito un’Italia di serie B. Che continuino a farlo, sarà una motivazione e uno stimolo in più. Dobbiamo lavorare ancora molto, ma le vittorie aiutano a lavorare meglio soprattutto per l’autostima”. Continua Prandelli: “Abbiamo fatto bene ma c’è da correggere qualcosa quando verticalizziamo”. Parole di elogio per il talento di Bari Vecchia: “Grande sacrificio, mi è piaciuto molto”. L’autore del gol partita esterna la sua felicità: “Abbiamo vinto e ho segnato, sono contentissimo. Un gol in due partite con l’Italia: meglio di così non poteva andare. Ringrazio i ragazzi e il mister che mi hanno dato fiducia. Le critiche? Noi dobbiamo seguire il nostro cammino. Questo è un gruppo fortissimo  ma possiamo fare di più. Non pensiamo alle cose esterne, l’importante è entrare in campo e fare il nostro lavoro”.

Con questa vittoria l’Italia si porta a 13 punti, consolida il primato ed ha 6 lunghezze di vantaggio sulle seconde. Un buon margine per gli azzurri visto che mancano solo quattro partite, tre delle quali da giocare in casa. Le squadre del girone hanno giocato tutte cinque partite, eccetto Estonia e Irlanda del Nord. La classifica del gruppo C recita: Italia 13, Slovenia e Serbia a 7, Estonia 6,  Irlanda del Nord 5 e Far Oer .

Ylenia Marino

Annunci