Vagate tra i negozi ancora incerti sul regalo da acquistare? La soluzione è semplice: regalate una lattina. Sì, avete capito bene, una lattina. Perché regalare alla fidanzata un barattolo invece di un diamante? É più economico, originale e soprattutto non implica nessuna proposta da fare in ginocchio!
Ad aprire la strada al mondo del barattoli è stato, negli Anni Sessanta, il maestro della pop art Andy Warhol, con i celebri contenitori Zuppa Campell’s, e da quel momento le lattine sono state viste sotto una luce diversa. Se ne producono 240 miliardi nel mondo dei quali 130 solo per gli Stati Uniti. C’è da sorprendersi, allora, se proprio in America divennero un’icona dell’arte? Le lattine proprio quest’anno  compiono i loro primi 200 anni.


La lattina giusta per la mamma? Dal 1992, sono arrivate le serie (ad oggi più di 70) di tazzine decorate da artisti conosciuti e giovani talenti della scena internazionale della Illy Caffè e poi nel 2006 il progetto è stato ampliato estendendolo ai propri barattoli da caffè. Da quattro anni la società sceglie infatti un artista per decorare una tiratura limitata dei classici barattoli di caffè, perché anche oggetti così quotidiani possono essere uno strumento d’arte. Il 2010 è l’anno di Tobias Rehberger, premiato all’ultima Biennale di Arti visive a Venezia con il Leone d’oro. Il tema scelto è “Everything o Nothing” realizzato ispirandosi ai linguaggi del cinema

.
Il regalo perfetto per l’amico giramondo? Una valigia. Ma non il classico trolley, bensì una valigia di lattine. O meglio di linguette di lattine. L’idea è nata è venuta a Luisa Leonardi Scomazzoni, proprietaria della Dalaleo che dopo un inizio all’insegna delle borse da donna, ottenute cucendo all’uncinetto centinaia e centinaia di linguette di lattine raccolte appunto dalle donne (e qualche volta dagli uomini) delle favelas, è passata ad far produrre molto altro: dalle cinture ai bijoux impreziositi di cristalli Swarovski, dai copricuscino ai gilet, dalle tovagliette all’americana a un originale trolley da viaggio. Singolari creazioni, che oltre tutto danno lavoro e dignità a molti abitanti delle favelas brasiliane

.

.
Cosa regalare alla sorella che vuole essere sempre alla moda e alla cuginetta che adora Hello Kitty? La soluzione la trova Melissa Hartzel make up artist che in un viaggio in Africa vide cappelli e borse costruite con ritagli di metallo e, tornando in Inghileterra, fondò una charity per sostenere questi piccoli artigiani, la “Old Tin Can Ltd.”. Oggi chi viaggia in molti Paesi emergenti avrà di certo notato come si possano comperare cornici, sottobicchieri, piccoli giocattoli e quant’altro, tutti realizzati con questa tecnica. Dove trovare questi oggetti? Sul sito di Christine Esposito: per pochi euro spedizione compresa potete acquistare ciondoli, orecchini e bracciali tutti rigorosamente ottenuti da lattine colorate. Il risultato è decisamente allegro e colorato, e per le fan di Hello Kitty c’è un’intera collezione fra cui scegliere

.

E per la fidanzata? Niente di meglio di una lattina usata. La “Just Sugar” azienda padovana di gioielli, ha trasformato la raccolta differenziata in fonte di materia prima; prendono i barattoli usati, li trattano adeguatamente e li preparano a una “seconda vita”: packaging per i propri gioielli. Non a caso il progetto è stato ribattezzato “Just… un’altra chance”, e dopo l’acquisto – a scelta – si può decidere di tenersi la confezione oppure restituirla: pronta per essere usata ancora. Magari per regalare il tanto desiderato diamante.

Annunci