L’umanità  che fissa il mondo, quasi a metterlo in imbarazzo, quell’umanità che riesce a cogliere anche i più nascosti segreti del paesaggio terrestre, cosi si potrebbe pensare la mostra fotografica di Elina Brotherus in esposizione alla galleria Fondazione Studio Marangoni. Otto fotografie con temi che fondono i modelli al paesaggio, racchiudendo il tutto in un’unità perfetta. Visioni di luci che nella quotidianità non si sa nemmeno dell’esistenza, vanno a posarsi sulla lucidità della stampa, cosi l’artista sembra quasi che voglia farci cogliere la quanta poca attenzione viene mostrata ogni giorno ai giochi di luce che ci circondano. La particolarità sta sicuramente nell’usare se stessa come modello, il cavo dell’autoscatto delle volte si intravede sotto il suo piede, quasi a svelare il desiderio di parlare di se, di raccontarsi e lo fa anche attraverso dei messaggi  post -it, attaccati li sulla sua scena. Un viaggio intimo, che passa dal candore del nudo, allo splendore di una realtà priva di ornamenti.

Dal 27 novembre al 23 dicembre 2010, alla fsmgallery, Galleria Fondazione Studio Marangoni di Firenze, sarà aperta al pubblico la mostra Elina Brotherus – Fotografie e video. Ingresso libero.

Elina Brotherus è un’artista affermata sulla scena internazionale. Ha ricevuto importanti premi come il Prix Niepce of Gens d’Image, Francia, 2005, il Carnegie Art Award’s Young Artist’s Stipendium, 2003, e il Prix Mosaïque in Lussemburgo nel 2001. Nel 2000 ha vinto il Fotofinlandia Award. Dal 1997 ha esposto in Europa, Asia e America. Le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private in Europa, in Australia e negli Stati Uniti. Nel 2004 ha pubblicato Decisive Days. La sua seconda monografia, The New Painting, è del 2005 e nel 2007 il suo terzo libro, Etudes d’après modèle, danseurs.

Maria Ciampi

Annunci