Cambiare la foto del proprio profilo Facebook per sostenere i diritti dell’infanzia? Niente di più falso. O almeno così pare.  Dietro questa campagna virale si celerebbe il gruppo “Camorra and Love”. Chi si nasconde in realtà dietro questo gruppo?

Gli utenti di Facebook rischiano di essere stati presi in giro. Ma da chi? In che modo? E soprattutto perchè?

Pare che la campagna  “Cambia l’immagine del tuo profilo in quella di un cartone animato” in realtà sia promossa da un gruppo dal nome decisamente preoccupante: “Camorra and Love” e che la campagna “per i diritti dell’infanzia” non abbia alcun collegamento con le serie associazioni che di questo si occupano.

Sfruttando il fattore nostalgia (per molti la sostituzione della propria foto con un cartone animato è stato un piacevole ritorno all’infanzia) e l’impegno sociale della prevenzione degli abusi sui minori, il gruppo ha raccolto moltissime adesioni, potendo così avere liberamente accesso ai profili di tutti i suoi fan.

La denuncia è nata da un articolo di Giuseppe Rizzo apparso su Net1News che riportiamo di seguito.

«Volete sapere chi c’è dietro la campagna “Cambia l’immagine del tuo profilo in quella di un cartone animato” che sta spopolando su Facebook? Un gruppo che si chiama Camorra and Love. Postando stupidaggini a nastro tra aforismi, frasi melense e immagini di Harry Potter, ha messo insieme l’allucinante cifra di 850mila fan. E’ stato questo gruppo a spingere la campagna virale sui cartoni animati per l’infanzia: dall’alto del suo “monte-fan” questo gruppo – composto da moltissimi minorenni, ma non si sa da chi sia gestito – può da solo creare una campagna virale.

In realtà, il creatore dell’evento legato al cambio dell’immagine del profilo di Facebook con un cartone animato è un ragazzo che dice di chiamarsi Alessandro Schultz Loi e di essere di Cagliari, ma si tratta di un profilo chiusissimo, al quale non si può neanche richiedere l’amicizia: chi è questo Schultz sardo? Chi si nasconde dietro questa campagna “per i diritti dell’infanzia” che non ha alcun collegamento con le serie associazioni che di questo si occupano?

Insomma, chi c’è dietro a questa campagna non è dato sapere: quello che è certo è che sta avendo un successo clamoroso (c’è chi parla addirittura di 500mila profili di cartoni animati, ma una stima è difficile). Il motivo probabilmente è da ricondurre all’aspetto ludico unisce quello retrò ed emozionale legato ai personaggi dei cartoni che hanno accompagnato la nostra infanzia. La campagna infatti sta contando numerosi aderenti nella fascia 25/40 quella forse più nostalgica verso i cartoni animati che non ci sono più e verso un’infanzia da poco abbandonata per sempre.

Resta infine da chiarire questo gruppo dal nome aberrante: Camorra and Love. Chi c’è dietro questo gruppo che ha “arruolato” centinaia di migliaia di minorenni? Perchè ha scelto un nome del genere? Aspettiamo una risposta dal moderatore.»

Annunci