Dopo un inizio di stagione sorprendente con le piccole protagoniste in assoluto, ora le grandi iniziano a macinare punti e a risalire la classifica riportando ogni squadra nella posizione esatta. Clamoroso è l’ultimo posto in classifica della Fiorentina. I viola hanno ottenuto finora solo 1 vittoria, 2 pareggi e 4 sconfitte. Una squadra che non merita quel posto. Serve una scossa, un segnale per poter scalare la classifica al più presto. Tanti gol, su tutti da evidenziare quello di Del Piero che eguaglia Boniperti (178 gol in serie A) e tante prodezze nella settima giornata di campionato.

Il Milan vince sul Chievo nel segno di Pato e Ibrahimovic. Il primo segna due gol (rientrava dopo lo stop per infortunio), mentre il secondo è l’autore sia dei due assist per il “Papero” che della sfortunata deviazione del gol-bandiera dei veronesi. Ottiene un’ottima vittoria la Roma dopo il passo falso di Napoli. I giallorossi disputano una buona gara, soffrendo nel finale per i ripetuti attacchi dei rossoblu. Poco importa: servivano i tre punti e la missione è stata compiuta.

Con un gol del solito Eto’ò l’Inter esce vittoriosa dal Sant’Elia. I nerazzurri, decimati dagli infortuni, riescono a giocare una discreta gara e a resistere a qualche occasione interessante creata dagli isolani. I tifosi del Cagliari sono stati i protagonisti di un brutto episodio: hanno fischiato e insultato con cori razzisti Eto’ò. L’arbitro Tagliavento è stato costretto a sospendere la gara per 3 minuti.

Grande show della Juventus che vince e convince scacciando tutti i fantasmi del passato e allunga la striscia di risultati positivi. Questa è la strada giusta per continuare a essere grandi protagonisti.

Il Palermo da spettacolo al Renzo Barbera. La squadra di Delio Rossi infligge una vera e propria lezione di calcio al Bologna, che non può fare altro che arrendersi ai colpi dei rosanero. La Lazio vince al San Nicola e mantiene così il primo posto in classifica. Ottenere i tre punti non era facile, ma i biancocelesti hanno stretto i denti e hanno colpito al momento giusto.

Un “uno-due” micidiale permette alla Sampdoria di ribaltare la partita contro la Fiorentina. Dopo essere andati in svantaggio i blucerchiati portano a casa la vittoria in soli due minuti.

Seconda vittoria consecutiva per l’Udinese. I friulani danno conferma dei segnali positivi visti la scorsa nella scorsa giornata e danno prova di carattere vincendo in un campo non facile, come quello di Brescia.

Emozioni a non finire nella partita tra Catania e Napoli: tante occasioni per entrambe le squadre, ma alla fine il punteggio dice 1-1. Pareggiano con lo stesso risultato anche Cesena e Parma. Una  partita non ricca di occasioni: la sensazione è che le due squadre si accontentino di un punto per uno.

Il comportamento degli arbitri è stato abbastanza sufficiente. Ci sono state piccole sbavature, ma colpisce la personalità e la coerenza nel prendere le decisioni, a dispetto delle precedenti giornate.

Ylenia Marino

Annunci