E’ da poco iniziato l’incontro tra gli esponenti dell’Ateneo fiorentino e alcuni parlamentari toscani. Aggiornamenti in diretta sul blog de ” L’Universitarea”.  Il meeting sarà trasmesso anche in  streaming (http://www.csiaf.unifi.it/mod-MDVideo.html) .

L’incontro comincia con qualche minuto di ritardo. Presenti i deputati Alberto Fluvi (Pd), Rosa De Pasquale (Pd), Francesco Bosi (Udc) e  la senatrice Pd Vittoria Franco. A rappresentare le realtà fiorentina l’Assessore Cristina Giachi (Assessore Università, Ricerca e Politiche Giovanili ) che esprime la solidarietà, anome della città di Firenze, all’Ateneo fiorentino, il professor Carlo Sorrentino, delegato del Rettore alla Comunicazione dell’Ateneo e il Rettore Alberto Tesi.

A seguire il dibattio circa una quarantina di persone, tra responsabili del coordinamento e giornalisti.

Si inzia subito a toccare il tema caldo delle risorse finanziare necessarie per sostenere l’Università italiana e anche per attuare in pieno la riforma prevista dal ddl Gelmini. La questione verte soprattuto sul fatto che la votazione del ddl sia stata messa in calendario prima dell’inizio della fase di bilancio della Camera, che dura un mese e obbliga per legge a mettere in stand-by tutti gli altri provvedimenti. Nel caso venisse confermata la data del 14 ottobre, non ci sarebbe tempo per far approvare la riforma prima che l’attività accademica del nuovo anno prenda il via. E con la minaccia di elezioni nella prossima primavera, la riforma rischia seriamente di arenarsi, senza successo.

Critico nei confronti dell’assenza dei parlamentari della maggioranza Alberto di Cintio, coordinatore dei ricercatori della Facoltà di Architettura, che rivolge ai parlamentari l’appello di aver un fronte più costante e aver un forte impegno congiunto tra esponenti dell’Università e parlamentari. Anche il Rettore Alberto Tesi sottolinea l’assenza della maggioranza, un’assenza che rende impossibile il dialogo, e si augura che il confronto tra Università e parlamentari prosegua anche dopo la votazione del ddl Gelmini.

Annunci