Saranno state le partite di coppa giocate durante la settimana o sarà che questo continua ad essere un campionato pieno di sorprese e risultati inaspettati ma fatto sta che i pronostici vengono di solito ribaltati. L’unica big a vincere, anche se non convince, è il Milan. I rossoneri battono di misura il Parma grazie ad un capolavoro di Pirlo (segna da 38 metri di distanza!). Iniziano a vedersi i progressi: migliora il gioco e aumenta la fiducia nei propri mezzi. Ora si attende solo la continuità dei risultati. La partitissima tra Inter e Juventus finisce in parità e a reti inviolate. Piccola curiosità: Balotelli era in tribuna per assistere alla partita.

Sempre più Napoli: gli undici di Mazzarri danno spettacolo al San Paolo e battono la Roma. I partenopei impongono il loro gioco e si lanciano al secondo posto in classifica. I giallorossi non confermano la buona prestazione della precedente giornata e restano così a 5 punti in classifica. Vince la Lazio in casa contro il Brescia: i biancocelesti sono in vetta da soli. L’Udinese conquista i primi tre punti in classifica al 93’ e Guidolin salva la panchina. I friulani vincono meritatamente: dominano la partita, anche se hanno poca lucidità sottoporta fino al gol-vittoria di Benatia.

Il Palermo espugna il Franchi e condanna la Fiorentina nella zona bassa della classifica. La squadra di Mihajlovic regala un tempo agli avversari, che ne approfittano immediatamente. I viola provano a reagire (segna un gol Gilardino), ma la partita è ormai compromessa.

Il Genoa batte il Bari e ottiene la prima vittoria in casa. I rossoblu, in dieci per quasi tutto il secondo tempo, vincono grazie ad una “zampata” di Luca Toni nei minuti di recupero (95’).

Vince il Lecce, che batte con un gol il Catania di Giampaolo e continua a mantenere la striscia di risultati positivi in casa. Il caldo si fa sentire visto l’orario (ore 12.30) e la partita fatica a decollare. I pugliesi sfruttano le poche occasioni create e portano a casa punti preziosi.

La partita tra il Bologna e la Sampdoria non va oltre il pareggio. Una nota da registrare è la pessima partita di Antonio Cassano, sostituito nel secondo tempo da Pozzi. Il talento di Bari Vecchia prende male la sostituzione: non saluta nessuno e va diretto negli spogliatoi.

Tra Chievo e Cagliari è 0-0. I gialloblu giocano una buona partita, ma non riescono a trovare la via della rete e gli isolani portano a casa un buon punto.

 Gli arbitri in questa giornata si sono comportati discretamente, eccetto qualche piccola incertezza e qualche errore di valutazione in determinate situazioni. Banti arbitra piuttosto bene la gara più delicata della giornata (Inter-Juve). Sbaglia Giannoccaro a Genova: posizione dubbia dei giocatori Moretti e Castillo al momento del contatto, che ha portato l’espulsione del giocatore rossoblu e il rigore per i baresi. Inoltre il primo gol del Genoa è da annullare per tocco di mano di Toni.

Ylenia Marino

Annunci