null

Il film di Paolo Virzì “La Prima Cosa Bella“, già vincitore di 3 David di Donatello e 4 Nastri d’Argento, è il candidato scelto dall’Italia per concorrere al premio Oscar nella categoria “Miglior Film Straniero“. La pellicola del regista livornese ha battuto la concorrenza di altri agguerriti candidati come “L’uomo che verrà”, “Mine Vaganti”, “Io sono l’amore”, “La nostra vita” e “Basilicata Coast to Coast”.

Il comitato di selezione (composto, tra gli altri, dal regista Gabriele Salvatores e dallo scenografo Dante Ferretti) ha decretato il film il più meritevole per concorrere nella cinquina dei migliori film stranieri, visto sia il successo di critica che di pubblico, per una storia commovente ma al tempo stesso piena di energia e di vitalità. Merito di una storia semplice ed intensa e di un cast che la anima in stato di grazia : Valerio Mastandrea, Micaela Ramazzotti, Stefania Sandrelli e Claudia Pandolfi, tutti perfettamente in parte, regalano interpretazioni indimenticabili.

Già soprannominato il “kolossal di Livorno“, girato appunto nella città natìa del regista, il film è la storia di Anna (Ramazzotti da giovane, Sandrelli in età avanzata), moglie e madre un po’ frivola che, attraverso lo sguardo disincantato del figlio Bruno (Mastandrea), vive mille (dis)avventure segnando indelebilmente le vite dei suoi due bambini e di tutte le persone che incontra lungo la sua strada.

Una pellicola intima e commovente (ma non strappalacrime) che ha buone possibilità di incontrare i gusti dei giurati dell’Academy Awards, che il 25 gennaio 2011 annunceranno al mondo intero se il nostro buon Virzì potrà ritrovarsi tra i grandi di Hollywood durante la notte più glamour e patinata dello show business.

A lui i nostri migliori auguri, ricordando che è dal lontano 1999 che un film italiano non vince la statuetta dorata (l’ultimo fu infatti “La vita è bella” di Roberto Benigni) e che l’ultima pellicola candidata al premio fu “La bestia nel cuore” di Cristina Comencini nel 2006.

Annunci