Stanchi di vedere musei dedicati solo a quadri e statue? Non riuscite a passare un giorno senza joystick tra le mani? Allora il ViGaMus è quello che fa per voi. Si tratta di uno spazio interamente dedicato al mondo dei videogiochi, l’espressione culturale del nuovo millennio.

Un museo in continua evoluzione. Proprio come il mondo dei videogiochi. Infatti negli spazi museali verranno allestite mostre a tema per approfondire i singoli temi, generi, personaggi e autori oltre a seminari, presentazioni e proiezioni per avvicinarsi al mondo dei videogames.

Il ViGaMus, promosso dalla Associazione Italiana per le Opere Multimediali Interattive (AIOMI) ha l’obiettivo di diventare un punto di riferimento non solo per l’industria videoludica italiana ma anche per quella europea e internazionale.

Accanto agli spazi museali, il ViGaMus ospita anche il Centro per lo Studio e la Ricerca sul Videogioco, fondamentale per promuovere progetti e attività culturali, artistiche e tecnologiche, e come fonte di informazione e formazione  per l’industria videoludica nella sua globalità. Un Centro fondamentale visto che in Italia questo settore è ancora decisamente poco sviluppato.

Gli “anti-videogiochi” sono pronti a levare gli scudi contro un museo dedicato a quella che loro non ritengono un’espressione culturale. Ma la replica dei sostenitori dei mondi virtuali arriva prontamente: da sempre infatti sono presenti musei dedicati all’evoluzione dell’industria e della tecnologia e i videogiochi sono il simbolo di un’epoca.

Il ViGaMus ha sede a Roma, in Via Sabotino. Per informazioni: http://www.vigamus.com/it/

Annunci