La Germania vista ieri sera ha dato un calcio al luogo comune. L’immaginario collettivo di squadra solida, rocciosa, con poca fantasia e molta sostanza ieri ha tremato, di fronte al calcio frizzante e bailado dei giovani tedeschi. Così,a sorpresa, il miglior gioco visto finora al mondiale è proprio della Germania, che ha annichilito come prestazione le ben più quotate Argentina e Inghilterra. Non è il 4-0 ad aver stupito, ma la facilità e la scioltezza con cui la squadra di Loew ha costruito valanghe di palle gol, rendendo un incubo l’esordio mondiale per l’Australia. Triangoli, finte, scambi di prima, sovrapposizioni: gli amanti del calcio totale si saranno leccati i baffi ieri sera, vedendo la Germania camuffata nell’Olanda anni ’70 arrivare con tre passaggi in zona gol.  Frutto di tale brillantezza la scelta del CT di puntare senza indecisioni alla linea verde, mandando in campo 8 giocatori under 25, guidati con autorevolezza dal capitano Philipp Lahm (27 anni). Sugli scudi in particolare Muller, Ozil e Khedila, tutti semisconosciuti al grande pubblico ma autori di giocate accecanti, tanto da mettere in ombra i ben più famosi Klose e Schweinsteiger. Chissà cosa avrà pensato di questa Germania yè-yè il nostro CT Marcello Lippi, blindato su una rosa dove gli under 25 si contano su una mano (o forse anche su mezza ) e dove il capitano, nonchè pilastro difensivo ha 37 anni? Stasera, forse, qualcuno glielo chiederà.

Annunci