Certi personaggi sono nati per essere ricordati per le cose straordinarie che hanno compiuto in vita; altri sono considerati a tal punto leggende che il loro ricordo si perpetua fino a scendere (o a elevarsi) nel mito; ma quando la leggenda prende il sopravvento sulla realtà, e la voglia di prendersi un po’ in giro si diffonde epidemicamente, ecco che abbiamo quello che viene chiamato il fenomeno dei Facts.

I facts sono notizie improbabili e inverosimili riferite a celebrità famose per la loro forza, il loro coraggio o la loro virilità. Nomi illustri, come quello dell’attore Vin Diesel, sono stati in passato accostati ad imprese a dir poco ercoline, ma mai come adesso il fenomeno  suscita tanto divertimento e clamore, grazie soprattutto all’effetto “cassa di risonanza” prodotto da Internet, e grazie ad un uomo: Carlos Ray “Chuck Norris”.

Campione di arti marziali nonché protagonista della serie cult “Walker Texas Ranger”, intorno al 2005 è cominciato a diventare, per molti burloni della rete ma non solo, un autentico “dio in terra”: marchio di fabbrica, il suo celebre calcio rotante.

Il tormentone affonda le sue origini nel repertorio di batture del “Conan O’Brien Show”, che spesso ironizzava sullo sceriffo più famoso dei nostri tempi; ma è stata la rete ha consacrare Chuck, reso celebre anche in Italia a partire dal 2006, con l’apertura del sito “Roundhouse Kicks-We love Chuck Norris”, pensato e tuttora gestito da Riccardo Bidoia e Massimo Fiorio.

 

Sono centinaia i siti nei quali potete trovare racconti sulle inenarrabili gesta di Chuck Norris. Quest’ultimo ha accolto positivamente il diffondersi della mania; più volte è stato ospite di trasmissioni nelle quali si è divertito a leggere alcuni dei suoi fact più esilaranti, facendo propria quell’autoironia che ha contraddistinto anche il pupone nazionale, Francesco Totti, protagonista suo malgrado di molte barzellette. Ma non sono mancate le occasioni per passare dal tono scherzoso a quello serio: è attraverso l’uso di alcuni facts che infatti Chuck Norris ha espresso agli utenti della rete la sua visione religiosa del reale, e in particolare il suo appoggio alla teoria creazionista circa la nascita dell’universo.

Tanto è stato il successo del trend tutto calci rotanti e pugni, che sono già state pubblicate diverse raccolte di leggende, grazie al minuzioso lavoro dei soliti Bidoia e Fiorio: da “I fermenti lattici dello yogurt di Chuck Norris sono tutti morti”, uscito nel 2007, fino all’ultima summa “Chuck Norris non ha l’altra guancia”, che ha visto gli scaffali delle librerie poco più di un mese fa, il 9 di maggio.

Insomma, in un’epoca in cui nessuno sembra essere esente da prese in giro e in cui ci impegniamo continuamente in gare, diciamo, “a chi la spara più grossa”, Chuck Norris, meglio noto nella veste di Walker Texas Ranger, risulta l’emblema, il “re dell’estremo”. Tante se ne sono già dette, ma sono certo che tante ancora  se ne diranno: la “fiamma narrante” che alimenta le nostre fantasie è ben lungi dall’estinguersi.

Annunci