Francesca Schiavone vince il Roland Garros ed entra nella storia: è la prima tennista italiana a vincere un torneo del Grande Slam.
Le congratulazioni da parte del Presidente Giorgio Napolitano e dei Presidenti di Camera e Senato.

“Sentire l’inno italiano che suona a Parigi … non ha prezzo”.  Questo è uno dei tanti messaggi che oggi mi sono arrivati dopo la fantastica vittoria di Francesca Schiavone.  E in effetti è vero: vedere la bandiera tricolore sugli spalti del “Philippe Chatrier”  ha un valore che non si può quantificare. Il valore di vent’anni passati sui campi da tennis a sudare ed allenarsi, il valore di una rivalsa verso chi la vedeva ormai finita, superata dall’amica-rivale Flavia Pennetta (anche lei sugli spalti a tifare per l’amica), il valore di riuscire nell’impresa che nessuno aveva mai compiuto.

La gioa della “piccola milanese” (166 cm) è stata la gioia di tutti noi che seduti sul divano di casa abbiamo cominciato ad urlare  quando è stato messo a segno il match point. Baci, abbracci, qualche lacrima di felicità. Noi che ci speravamo, ma che forse non credevamo fosse possibile.

Facebook è subito “impazzito”: tutti hanno iniziato a pubblicare i link della partita, le foto e i commenti. Era un continuo cliccare “mi piace” sullo status degli amici che inneggivano alla vittoria di Francesca. Sì, semplicemente Francesca, senza il cognome, perchè lei adesso è unica, lei adesso ha fatto la storia del tennis.

Annunci