E’ tempo di dichiarazione dei redditi per l’anno 2009 e al cittadino è offerta la possibilità di decidere come impiegare una parte del gettito Irpef. Perditempo burocratici da genitori? Forse. Ma non ancora per molti anni. E tra le varie possibilità ce n’è una che ci riguarda molto da vicino quali studenti universitari.

E’ infatti possibile destinare il 5 per mille per sostenere la ricerca scientifica e l’Università. La quota sarà destinata a specifici progetti di formazione alla ricerca rivolti a noi studenti. Per tutte le informazioni si può consultare il sito di Ateneo all’indirizzo www.unifi.it/CMpro-v-p-2696.html

Un annuncio quello sulla possibilità di devolvere il 5 per mille all’Università che si può leggere sul sito di Unifi proprio quando il mondo dei ricercatori, non solo fiorentini ma degli atenei di tutto lo Stivale, scende nelle piazze per protestare contro i tagli all’istruzione e sensibilizzare gli studenti e il resto della comunità sulle desolanti prospettive per il mondo della ricerca, base dello sviluppo di una società .

La quasi totalità dei ricercatori dell’Università di Firenze ha rinunciato all’insegnamento per il prossimo anno accademico. Siamo al 100% nella facoltà di Scienze politiche, al 75% nella facoltà di Architettura e nelle altre facoltà le percentuali non sono molto diverse. Consiglio di amministrazione e Senato accademico hanno inoltre approvato il 12 maggio scorso quella che i ricercatori definiscono “rottamazione”, ovvero il pensionamento dei ricercatori con 40 anni di contributi. Manovra nell’ottica del risparmio economico e del ricambio generazionale che però attualmente riguarda solo la categorie dei ricercatori e non prevede concorsi per nuove assunzioni.

Annunci