Rafa Nadal si conferma re della terra battuta.
Lo spagnolo scende in campo ed è subito record: folla di fan per ottenere un autografo.
Più di 16mila spettatori paganti agli Internazionali di Roma per il debutto nel torneo del maiorchino.

La partita si gioca sulla terra battuta, ma è molto più interessante osservare chi c’è sulle tribune. Il match tra Rafa Nadal e il tedesco Philipp Kohlschreiber è infatti poco più di un allenamento per lo spagnolo, che conquista in due set l’accesso agli ottavi (6-1/6-3). La nuova tribuna vip del Campo Centrale del Foro Italico, invece, è popolata da volti noti: una nutrita rappresentanza della Roma calcistica – Pizarro, Menez, Julio Sergio, Riise, Mexes, Vucinic, Baptista e Cerci, con le rispettive signore – non si è voluta assolutamente perdere il debutto al torneo del numero 3 del ranking mondiale.

Si tratta di una visita ricambiata. La scorsa domenica sera, infatti, era stato Rafa Nadal, insieme a Nole Djokovic, a fare da spettatore dalle tribune dell’Olimpico alla partita Roma – Sampdoria, anche se non è stato un buon portafortuna per i giallorossi.

La partita della Magica con i Blucerchiati non è bastata a saziare la passione dello spagnolo per il calcio. Pare infatti che Nadal abbiamo esplicitamente chiesto agli organizzatori di poter giocare nel pomeriggio in modo da poter passare la serata a guardare la partita di Champions Inter – Barcellona.

Il cuore di Rafa batte per il Real, ma per la finale di Champions tifa per i catalani. Non si tratta di patriottismo, ma della convinzione che Guardiola sia un ottimo allenatore e dell’affetto che lo lega al Barça: lo zio, Miguel Angel Nadal, per 8 anni, ha vestito la maglia blaugrana

Annunci