Delusione per l’Italia: Simone Bolelli, Paolo Lorenzi e Potito Starace sono fuori dall’Open d’Italia.
Magistrale Volandri, tornato alla grande dopo due anni d’inferno.

.

Il campo centrale non porta bene agli italiani. L’azzurro Simone Bolelli si presenta in ottima forma, ma poi spreca sei set-point contro Fernando Verdasco e lo spagnolo coglie al volo l’occasione per tornare in partita. Il bolognese si perde per strada: dopo il tie break vinto 13-11 dallo spagnolo, Bolelli si arrende al numero 9 del ranking mondiale che chiude il secondo set per 6-3.

Stessa sorte per Paolo Lorenzi, sconfitto da Robin Söderling, testa di serie numero 5 nel tabellone romano. Il toscano non parte bene e perde il primo set 6-1. Il secondo set sembra però riservare delle sorprese, Lorenzi infatti raggiunge lo svedese sul 5-5, ma poi, colpa forse dell’adrenalina e complice anche un doppio fallo, cede il servizio a Söderling che chiude 7-5.

Anche Potito Starace esce dagli Open d’Italia al secondo turno. Nel match serale, l’italiano lotta per un set, ma alla fine deve arrendersi davanti a David Ferrer, testa di serie numero 13, che lo supera per la quinta volta in cinque sfide: 7-5 6-2 il punteggio finale. Sarà lo spagnolo a sfidare Andy Murray agli ottavi di finale.

Unico italiano ancora in gara Filippo Volandri. Dopo i tanti problemi fisici e la squalifica per doping (poi revocata perché si tratta del Ventolin per l’asma), per “Filo” si tratta di una resurrezione. O forse un riscatto e una rivincita, nei confronti soprattutto di chi lo dava già come un giocatore finito. Volandri torna in campo e dimostra di essere ancora brillante come prima. Un percorso in salita, ripartito dai challenge, che fa approdare l’azzurro a Roma solo grazie a una wild card e un sorteggio fortunato. Vittima del dritto del livornese è stato il francese Julien Benneteau, che chiude la partita portando a casa solo 2 giochi nel primo set e addirittura nessuno nel secondo (6-2/6-0). Ora agli ottavi l’italiano affronterà il giovane Gulbis, fresco della vittoria sul numero 1 del mondo , Roger Federer.

Annunci